La Stesa

 

“La​ ​Stesa”​ ​(to​ ​​hang​ ​clothes​​ ​on​ ​​clotheslines​),​ ​it’s​ ​a​ ​daily​ ​rite​ ​that​ ​repeats​ ​over​ ​time,​ ​it’s sociality,​ ​it’s​ ​chatting​ ​with​ ​neighbors,​ ​it’s​ ​weaving​ ​a​ ​canvas​ ​of​ ​communications,​ ​contacts​ ​and friendships,​ ​it’s​ ​creating​ ​a​ ​common​ ​space​ ​in​ ​which,​ ​women,​ ​shuffling​ ​the​ ​affairs​ ​of​ ​home,​ ​can also​ ​find​ ​space​ ​for​ ​themselves. But​ ​in​ ​Naples,​ ​Parthenopean​ ​town,​ ​where​ ​everything​ ​changes,​ ​and​ ​even​ ​the​ ​smallest certainty​ ​may​ ​disappear,​ ​“La​ ​Stesa”​ ​is​ ​no​ ​longer​ ​the​ ​reminder​ ​of​ ​the​ ​scent​ ​of​ ​cloths​ ​drying​ ​in the​ ​sun.​ ​It​ ​is​ ​no​ ​longer​ ​the​ ​memory​ ​of​ ​the​ ​nose​ ​up​ ​and​ ​the​ ​eyes​ ​full​ ​of​ ​colors​ ​and​ ​fluttering fabrics. This​ ​term​ ​has​ ​taken​ ​on​ ​a​ ​new​ ​meaning.​ ​Today,​ ​”making​​ La​ Stesa”​ ​means​ ​shooting​ ​in​ ​the​ ​air or​ ​on​ ​the​ ​buildings​ ​so​ ​that​ ​everybody​ ​get​ ​on​ ​the​ ​ground. Ilario,​ ​with​ ​his​ ​work,​ ​tells​ ​two​ ​antithetical​ ​realities​ ​that​ ​coexist​ ​in​ ​the​ ​same​ ​place. On​ ​the​ ​one​ ​hand,​ ​freedom,​ ​sociality,​ ​communication,​ ​air,​ ​sun,​ ​on​ ​the​ ​other,​ ​people​ ​who, while​ ​walking​ ​in​ ​the​ ​street,​ ​suddenly​ ​hear​ ​the​ ​noise​ ​of​ ​the​ ​shoots​ ​and​ ​fall​ ​to​ ​the​ ​ground.

 

La stesa, dei panni, è rito quotidiano che si ripete nel tempo, è socialità, è chiacchierare con i vicini, è tessere una tela di comunicazioni, contatti e amicizie, è creare uno spazio comune in cui, le donne, sbrigando le faccende di casa, trovano spazio anche per loro stesse.

Ma a Napoli, città partenopea, in cui tutto cambia e anche le piccole certezze possono sparire, La Stesa, non è più il ricordo del profumo dei panni stesi ad asciugare al sole. Non è più il ricordo del naso all’insù e degli occhi pieni di colori e stoffe svolazzanti.
Questo termine ha assunto un nuovo significato. Oggi, “Fare le stese” significa sparare in aria o sui palazzi in modo tale che tutti si buttano a terra.
Ilario, con la sua opera, racconta due realtà antitetiche che coesistono nello stesso luogo.
Da una parte la libertà, la socialità, la comunicazione, l’aria, il sole, dall’altra delle persone che mentre camminano in strada, all’improvviso, sentono il rumore degli spari e si buttano a terra, stesi.

 

 

  • Date: 2018
  • Media: artistic installation, web art
  • Project Link


By using the site, you accept the use of cookies on our part. read more

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi